Indici di Bilancio I parte

La valutazione del merito creditizio deve considerare una serie di indici economici e patrimoniali, tale analisi deve essere effettuata considerando più anni e con un raffronto ai valori medi del settore di riferimento.

 

Indici di redditività

La loro fonte è il conto economico riclassificato ed hanno la capacità di mettere in risalto alcuni aspetti economico/reddituali:

ROE (Return on Equity)

ROE = (Risultato d’esercizio/Patrimonio netto) x 100

Il ROE indica la redditività del patrimonio netto, ovvero il ritorno economico  dell’investimento effettuato dai soci dell’azienda.

Tale indice deve essere superiore al tasso di inflazione, essendo in ogni caso fortemente influenzato dal settore di riferimento.

A titolo puramente indicativo, si può sostenere, con un tasso di inflazione del 2%, che un ROE sia:

Ottimo per valori pari/superiori all’ 8% – 10%

Buono per valori compresi tra 5% – 7%.

 

ROI (Return on Investiment)

ROI = (Risultato operativo/Capitale Investito Netto*) x 100

* cioè il Patrimonio Netto a cui sommiamo imezzi finanziari di terzi

Il ROI consente di misurare il ritorno finanziario dell’iniziativa che per essere soddisfacente deve risultare superiore contemporaneamente:

  • al tasso di remunerazione atteso dall’azionista (vedi ROE);
  • al costo medio del denaro in prestito (mezzi finanziari di terzi).

Il ROI cioè consente di indicare la redditività operativa dell’azienda, in rapporto ai mezzi finanziari impiegati. Il suo valore ottimale dipende sia dal settore di riferimento che dal livello di tasso di inflazione esistente.

 

ROS (Return on Sales)

ROS = (Risultato operativo/Fatturato) x 100

È un indicatore evidentemente influenzato dal settore in cui opera l’azienda; può risultare inoltre condizionato in positivo o in negativo dalla politica degli ammortamenti adottati, per cui va valutato in stretta relazione con l’indice M.O.L.

 

MOL (Return on Sales)

MOL = (Risultato operativo ante ammortamenti/Fatturato) x 100

Esso rappresenta il risultato operativo ante ammortamenti, viene rapportato al valore dei ricavi per valutare la redditività delle vendite in termini di ritorno operativo e di autofinanziamento allo stesso tempo. Il M.O.L. incorpora di fatto il livello di autofinanziamento (liquidità) prodotto prima di eventuali oneri e proventi straordinari, oneri finanziari ed imposte.

 

Author: Luigi Cristiani

Laureato in Economia, ha poi conseguito un MBA presso lo Stoà. Lavora in Enel Green Power dove si occupa di pianificazione e controllo . Dal 2010 scrive su diversi blog di economia e finanza (Il Denaro, La prima pietra, HUB Magazine), inoltre collabora con il “Controllo di gestione” (rivista IPSOA).

Leave a Reply